Abusi sessuali

da “il Velino

“Lasciate che i figli vengano a me” – era già da tempo che si capiva il perché.
Anche il coro diretto dal fratello dell’attuale Pontefice.
Il vescovo, monsignor Gerhard Ludwig Müller, ha ammesso – con una lettera ai genitori pubblicata sul suo sito internet – che sono stati commessi abusi sessuali nell’ambiente del coro.
Il portavoce della diocesi, Clemens Neck, ha detto all’Afp di “disporre di informazioni sui presunti abusi avvenuti tra il 1958 e il 1973”.
Monsignor Georg Ratzinger, oggi 86enne, ha dichiarato di NON essere a conoscenza di casi simili risalenti all’epoca in cui era direttore.
Forse girando la testa da un’altra parte senza dubbio non si vuole vedere quello che è reale, o … MA?

Notizia ANSA

Notizia ANSA 2008-10-30 18:38
VATICANO RIBADISCE: GAY NON POSSONO DIVENTARE PRETI (di Elisa Pinna)
CITTA’ DEL VATICANO – Nessuna possibilità di diventare prete per chi ha forti tendenze gay, anche se si comporta in modo casto. Lo sancisce un nuovo documento vaticano, che suggerisce anche ai vescovi e ai rettori dei seminari di chiedere la collaborazione di psicologi per valutare eventuali patologie e “ferite” psichiche gravi dei candidati al sacerdozio. Sull’omosessualità, dopo gli scandali della pedofilia che hanno travolto la chiesa in numerosi paesi del mondo, la Santa Sede sembra decisa a seguire una linea dura: se nel passato, i documenti vaticani soppesavano la differenza tra “le tendenze” omosessuali e il “peccato” di una pratica gay, la nota di oggi chiude le porte dei seminari a chi non è eterosessuale. A sgombrare il campo dai possibili distinguo di altri tempi ci ha pensato il cardinale Zenon Grocholewski, prefetto della Congregazione per l’Educazione cattolica, il dicastero vaticano che ha redatto il nuovo documento “Orientamenti per l’utilizzo delle competenze psicologiche nell’ammissione e nella formazione dei candidati al Sacerdozio”.

Nulla da aggiungere……..