Fallo

da “il gazzettino.it

Fallo? Fallo e basta…
Che beo che ghe sia anca xente che pensa in grando… i pensa anca ai cass. dei altri anca se i xe finti.
Desso che ghe penso podaria rotamarme anca mi, ma chi xe che me toe, chi xe che me voe, chi xe che me mantien,  chi xe che me ridaria nova vitaità (mi o savaria, m no’ ve dise gnente, dovì indovinar).
Chi saràeo queo o quea che se porta casa un cass. de plastica usà da… (chi?), ma sarà mejo che a dopare ‘na suchina o ‘na carota o ‘na banana (verda me racomande, senò ve trovè ‘na roba spantegà in che’l posto la…) che dopo a poe anca vegner ridopararla in tecia, dopo averla ben passà soto l’aqua, come che se fa anca par altre robe… no’ ste vardare par sotìe.
In ‘sti giorni i giornai de tendensa no’ i sa pì cossa scrivare: e gaine no’ e vien pì robae, in ‘sto periodo no’ casca nessun dal marciapie, a siora in casa no’ a se scota pì col fero da stiro,… partanto i scrive anca ste robe qua… voria savere cossa che i ga dito i preti de Treviso…