Aspettare

Spetare ze un’arte, mia tuti poe dir de saver spetare. Mi speto ti, ti te speti mi (semo za do). Chi che speta el fioéo, chi che speta de ‘ndare par sempre. Chi speta con rassegnasion, chi no ze bon de saver spetare (forsa rento). Vedito, se podaria slongare fin che se voe, ma me fermo saria un dir par spetare anca par mi.

No riva Primavera

Contaimo i dì,
speramoi che tuto fusse za finì.
Me rincresse – dise el ton.
Me dispero – dise a piova.
A nibia tase e a se alsa sempre de pì.
Primavera vien, so drio spetarte,
son insieme coi fiori da sbociar,
son con i animai, son…..
tuti te spetemo
col caldo to caéor.

Sta qua me ze vegnua de boto, ti cossa sito bon da dir, scrivi che e poesie pì bee e vien assae tacae. Saéudi.