Monte Grappa

dall’ “Unità

Mi dispiace ma mi è stata notificata questa notizia solo oggi pomeriggio e pertanto riporto questo interessantissimo articolo redatto da Andrea Satta.

La prossima volta che viene o viene spedito sul Monte Grappa si fermi da me che così potremo fare conoscenza e magari Lei trovarsi con persone (forse) più a modo. Qui non ci sono cani e siamo a soli 5 km dal piano, si respira aria fina, si mangia (quello che passa il convento/cuoco), si beve, si chiacchera, si parla di grappe (220 gusti nel reparto Grasparia), di poesia (cuoco/poeta), e poi…

A presto, che non sia il prossimo passaggio del carrozzone del Giro d’Italia… altrimenti saranno già parecchi anni che sono andato in pensione…

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *