Agosto

Ze ancora caldo, zo nel pian se sofèga, a zente vien su a ciapar aria bona e fresca, i ga a engua fora daéa boce (come i cani quando i ga se), i ciclisti i sgronda de sùore, …… i vien al banco e i beve un cafè in do, o un bicer de aqua (magari quea del rubineto), tanto par stare ‘na mezoreta sentai fora a sentir el ventiseo che te sora e caéure.
Se vede e come che se vede che ze finia l’està.
Quando manca a paéanca – ze finia anca l’està.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *