La ze rivada

De bon’ora la ze rivada. Ier sera vegnando casa da Telenordest, che jerimo ‘ndai dai amissi dée “Bronse Querte” ghe jera un steado che no’ ve digo, circa mezanote e meza, ae cinque de ‘sta matina a ga scominsià a vegnere zo a seciae, par farla corta ae oto a jera de disete sentimetri sora a capota dea machina. Par cùéo zoba dea setimana scorsa gavevo montà (no’ ste pensar mae) e gome da neve, a me so dito bravo, bravo, bravo, che se no’ e gavevo su, come c…o saria ‘ndà a Bassan stamatina. A go visto che mi quando so ‘ndà zo ghe jera a lama de spassaneve che vegneva su ma sensa sabbia e sae, ga dovuo esser riportà, no podea far ‘na corsa soéo? Bea a ze ma se a vegnesse sora de mi al manco al quinto tornante e pì in sù, saria mejo. Speto voenterosi e pieni de muscoi par tirar via a neve che ze cajua zo nel piassae del parchegio. Ve speto in tanti con a tecia de Vin Bruè, cossì ve scaldè. Ciao.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *