Scrivo

Un’cò scrivo par riassarme, visto l’andasso de ‘sti momenti de sane vacanse (par chi che realmente le fa). Mi daèa parte de qua vede co un’ocio diverso, da commerciante e no BIRBANTE, me sa che tante notissie che vien divulgà e ze ‘na massa de busie che vien soterà. No’ riesso a renderme conto, me sembra de esser so a luna, el caldo el ghe ze ma a zente se vede soéo aéa sera, par ciapare ‘na sboconada de aria fresca, che su qua da mi a ghe ze tuta a giornada. Se scominsiarà fra poco a vedare frote de boce, omani e femane che incaminandose par i sentieri o i trodoi i vien a fa de pic-nic sui prai, pena tajai, roba che quando jero tosato a fasemoi anca nialtri. Me ricordo che d’istà se fondemoi tre compagnie e se vegnea su in fia indiana verso el Grapa, metendo zo e bicicrete o daéa Mena a Roman o al Miramonti a Pove, ghe jera domeneghe che se catavimo anca in sento e passa, se fermamoi a magnar queo che se gavea comprà ed dì prima. Che beo che jera, desso me tocarà rivedare anca par ‘ste generassion che vegnarà. Auguri, nea compagnia larga, quanti amori che se gavea sbocià, e quante union che e ze riussie, e i ze ancora tacai anca un’cò.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *