Piove

Boja eva, come che piove, me sembra el “Diuvio Universae”. Lampi, sciantisi, saete, toni, e soratoni, scroassi de aqua, frandine come granei de sorgo che i sbate soi veri fazendo ‘na musica un pochetin strana. Se qua ghe fusse stà un maestro musicae gavaria catà fora varie mèodie strane che no se cata nea musica vera ma soéo soéa musica dea Natura. Jerimo drio a far a festa a me mojere con tanto de torte e de bussoeoti de vin bon “Verdusso Dorà” dal’alto Friul, che se ga scaenà ‘na bufera; mi penso che el Brenta ze aumentà de mezo metro soto el “Ponte Vecio”. A vegnea zo che de pì saria stà difissie immaginar, parchè scroassi come ‘stà sera, jera da tanto tempo che no i se vedea. Quatro volte ze sparia a corente e no’ se vedea zente passar, ne par sù tanto manco par zo. Ciao tosi a so’ un pochetin stufoto, Ve saéudo e aéa pròsima, da Vaerio. A desmentegavo tanti cari saéudi anca ai parenti tuti in speciàe quei che ze in Argentina (che no’ passa sera che i vegna vedare queo che mi diso e scrivo). Deghe un’ocio anca ai siti: (www.pragolin.it) (www.miepoesie.it) (www.elmastrograsparo.it) (www.pensieriparole.it) (www.aqueslosse.it) Ciao un bel baso a tute le putée, tosate e a quée vanti i ani.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *