Strasse, ossi e feri veci

Quanto beo jera ‘na volta quando te sentivi a veciota che tirando el caretin, longo el cavin, sigava “Saldame siore, ze quà a saldamara, saldame fiòe, vegnè a comprar”; o quando da lontan te sentivi i socui del cavaéo che tirava el careto e la vosse del ‘so paron cantare “Son quà rivà par vojaltre femane, tirè fora le strasse, slarghè i ossi, che al fero vecio ghe pensì mi”. Tutti i boce e le femane de ogni età in serca de qua e anca de la: la pée del cunicio, i pei del mascio messi via con tanta cura, tece sbusae che no’ se podea pì portarle dal stagnin, i feri cavai ai cavai tuti consumai, e tante altre monade che se podea recuperar torno a casa. Se ciapava ‘na miseria ma sembrava che el te desse massa par chea roba che’l se ghe dava, mia mona sembrava che sofrisse a fame ma soto soto el jera un sioreto, furbo come ‘na striga de comercio ghi’n capiva pì de tanti sapientoni, scheo dopo scheo risparmià a fortuna pian pian a ze rivà. Desso semo ciapai che dovarissimo andare ancora a catar “strasse, ossi e fero vecio” par poder sbarcare el lunario. Cossa ghi’n disio vojaltri. Ciao tosi e tosate.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *