Punto “G”

Adesso i ze ‘ndai a vardare dove che’l se trovava el punto “G”, nialtri o savevimo za. No’ ocore che ghe sia zente studià par capir queo che se trovava za, bastava un poco de passiensa e tanta bona voéontà che el punto se catava. Capisso che come i diseva ‘na volta che i boce nasseva soto i cavoi, serto quei i podeva pensare che’l se catava sul campo da arare e no’ rento a femena da insemenare. Resto fermo qua senò me toca fare ‘na antoéogia dura a lezerse in un par de orete. Ciao aéa prossima.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *