Me son incassà

A vedare chi che me dise che tuto va ben, il che no’ ze vero, jori i ze soa neve a sbaterse i c….. e niatri semo qua a romperse i c….. Pensavo che Campo Longo fusse stato vissin Bassan, invesse non avendo studià, mia massa, i me dize che lè nel Belumat, o go savuo dato che i giornai e quei dea Raitibù i parla in ‘sti giorni par via che ghe ze un che da Roma ze capità qua. Qua se capisse che dopo pagare queo che se deve pagare, ghemo anca da regaéare el magnare a quei che me ciuccia el sangue. No’ serve andare in Transilvania o in qualche Ospedae locae el sangue se no’ ze giassà el vien ciuccià senza gnanca che te sia girà.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *