Magnare

In ‘sti dì qua se pensa soéo a bevare, magnare, divertirse, dormire e sc….., senza tanto pensare a tutti i problemi che ghemo, tanto quei no’ i ti i cava nessun. No’ pensar che rive un gnomo a portarte un caliero pien de schei o che’l te diga dove el ze soterà, ze tute fantasie, pensa soéo che a saéute no’ te manche parchè dopodiman te toca andar a lavorar par continuar a magnar. Fusse tuto oro queo che slusega o che vien fora daéa boca dei nostri paroni, saressimi tuti sora un cavaéo bianco con un paco de schei soto el materasso (par farlo pì morbio el stramasso), invesse i dise ‘na roba parchè drio el cueo i me roba pì che i pòe. El can bastonà ‘na volta capisse, ma diese volte te salta dosso a sbranarte. Chi vol capir capissa, chi no’ vol capir fassa pur da manco che semo za tanti de stuffi.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *