La veciota

Dove lavorava me mojere, prima de scominsiare a lavorar qua con mi, nea botega de casoin, ogni matina rivava ‘na veciotea simpatica e gentie a far spesa a tirava de chei cani, rasie, paroéasse, porchi, ladri,…. quando a doveva pagare, ma da giullare che a jera a diseva: “Ma si andè tuti in mona, che fra sento ani tute face nove”. Ricordarsea ze dovuo.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *