Venti Marso Domiasete

A taca,
a ga za tacà.
Fòéae de vento,
muinei de fàive bianche.
Marso pàssareo.
El tempo
no se ga maridà,
lè sta da sposare,
par far queo che voe.
Uncò, qua, nevega.
Bea bianca, vien zo.
Bogoi torno i rami,
i osei i fa fadiga
a catare riparo
tra i nui rami, sensa foje.
Ora de qua,
desso de la,
un fià drita,
vien zo scavessa
bianchi batufoi
caje zo dal ceo.
Ciasse de coéori,
tra qua e la,
sul verde dei prai
un bianco manteo,
màce de primoe, vioete e cornoéaro
ciapa l’ocio.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *