AI TECK

Ai! Ai!
Che dano che te fe,
el progresso ze beo.
Fa girare i schei,
i se ferma dove za i ghe ze.
Laoro par tanti,
fadighe soéo a pochi.
Boce sempre pì feissi,
no i sfadiga pì,
ze tuto sol “cip”.
Tuto sembraria rosa
ghe ze un risvolto dea medaja:
“no se rajona pi coa propria suca”.

‘Na volta el “cip” jera soéo el canto dell’OSEO.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *