Son drio farme ‘nidea

Son drio sognare come fasevo da puteo, son deventà sior sensa saverlo e no’ me despiaze. Gavevo un bel casteo, (dirondio-dirondeo)
lo go fato pì beo. (stessa solfa)
Desso me go stuffà, (stessa solfa)
a calcun ghe o go dà. (stessa solfa)
Chi se o ciaparà? (stessa solfa)
Restarà incantà. (finae stessa solfa)
Chi voe capire capisse, chi no capisse el domande. Ciao Vaerio

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *