Son drio vardare a TV

Se vede zente, tanta zente, un mucio de ciacoe e ciacoe e ciacoe…… Nessun dize paroe ciare e queo chel dize el fà. Mi un porocan queo che dizo fasso (tante volte prima fasso e dopo tazo). A nostra vita a ze come ‘na lama de corteo bisogna savere star su senò te caschi zo, bisogna anca dire che te te poi anca tajarte le b . e. Stasera a ghe go dato rento parchè me son stufà de chi me comanda e mi esser sempre soto, voria che tuti chi che voe scrivesse queo chel pensa de come dovaria esser cambià; ve speto in tanti che me scrivì. Ciao

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *