El Tabaro

Par a festa del Tabaro al 21 de Otobre…

Jera moda ‘na volta,
cuerserse dal fredo,
col “Tabaro”.
Tuti de nero tessuj,
i signoroti li gavea
anca quei incòeoraj,
ma i pì i jera neri.
Tra e sfese de rami, dea nogara,
a luna fasea cu-cu
e el cuco xogava,
passava jente a cavàeo
co’ mantej sbatui dal vento
e jente a pie infredoja,
co’ grandi capeassi da “Brigante”,
tuti i se somejava
difarente jera i coeòri, el capeo e i schej.

Era moda una volta / coprirsi dal freddo, / con il “Tabarro”(mantello). / Tutti di tessuto nero, / i signori li avevano / anche di diversi colori, / ma la maggior parte erano neri. / Tra ramo e ramo, della pianta di noce, / la luna faceva cu-cu / e il gufo giocava, / passavano persone a cavallo / con i loro mantelli sferzati dal vento / e gente infreddolita camminava a piedi, / con grandi capelli da “Brigante” (a larghe falde), / si assomigliavano tutti / di differenza era soltanto i colori, i cappelli e i soldi.

Pubblicato da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *