Novo computer

El me ze rivà, ecoèo qua, el me computer novo, quanta fadiga prima che’l riva.
Da quanto potente el ze, dae man el me scapa.
I dei core drio i tasti
o zei i tasti che core drio ai dei?
Bati e scrivi
scrivi e bati,
pensa e mùina nel servèo,
ze beo, buto tuto zo,
de boto o de bruto, dopo rivedarò el tuto.
Coregere basta un tasto, strucheo e sparisse tuto,
che bravo, che beo,
a gò lavorà do ore
e par un soèo erore,
a gò tirà zo anca el Signore.
Go capio, ze mejo che fassa come ‘na volta
se scrivea, se canceava, se coregeva, e pò se metea in bea copia.
Se torna indrio, invesse de vedar vanti?

Mancà ze andà

L’amigo de pèna (poeta anca ju) el ga lassà ‘sta tera par altro lido. I funerai se fa Zoba ae 10,30 in cesa a Fontaniva.

‘sta poesia vien scrita soéo in diaeto (lengua Ufficiae Veneta), no potendo tradure in Talian.

Semo qua
soéo nialtri,
se sente a sò mancansa
Laoro …. Fameja.
Amante dea tera
e del sò creà,
tuto el capiva
tuto el meteva,
anca l’anema
née sò poesie.
Ciao amigo.

Par Luciano da Fontaniva, che’l starà sempre con nialtri.

Da dire subito

Parforsa che in Italia va sempre pì mae, vardando “Striscia a Notissia” se vede sempre de pì i sprechi che grava sempre sora e nostre spae, bastona tanto semo abituai a essare bastonai. Se tutti i schei butai – sprecai (o passai de scarsea) i fusse stai rento a dei projeti mirai, mi penso che ghe saria pì posti de laoro par tanti e anca l’economia gavaria scominsià a rampegare diversamente. Basta vardare come che a funsiona nee altre Nassion, l’economia a ze in fase discendente, me sembra de essare in ‘na pista de bob che a va sempre pì zo…….. el bob aéa fine dea corsa el se ferma da soéo….. qua???? Altra notissia che ga dito a teevision stasera jera che all’Ospedae de Torin i ga operà tante persone (al fegato, ai reni, al cuore,…) i ghi na’ fato un stramaro de gente che se dovaria darghe un premio (de produssion) invesse i ga ciapà ‘na multe de centosinquanta miaeuri parcossa no go capio jero drio a lavar piati, chi che ghi’n sa pì de mi i mio sapia dir. ‘na volta jera parchè el soe bateva nel serveo, desso che i ze tuti sentai rento dei bei ufici cossa ghe sarà che i va via de serveo anca se fora piove o diuvia o tempesta.

Novità

Fatti più in la a ah ah ah
fatti più in laaaaaaaaaaaaaaaa a ah

A go sentio daèa teevision che ghe ze un che voe essare votà anca sel vive in Sguissera (tera no Taliana) tramite i Taliani che ze all’estero. Mi capisso che saria giusto par chi che ga sempre fadigà andare a votare par chi che se merita; no capisso parchè un che no’ ga mai contribuio pal ben dea Nassion ghesse a presunsion de voer vegner a comandare sora e nostre spae, quando ju e a so pare poco gh’interessa de tuti nialtri. Zea tuta ‘na machinassion architetà da ‘na mente stravania o assà fora dal Manicomio???? Fasimeo savere al pì presto. Ciao

Pensieri parole

Sì, a me gavì dito che vi si messi in contato con (www.pensieriparole.it) o gavio rivisto che el se ga trasformà da poco tempo in qua. ‘ste persone e ghe mete anema e corpo par far ben el sò laoro, fasighe un forte scosson a pì no’ posso, vabbè no’ se poe bater le man ma cliccar e vardare queo che ghe ze rento a ‘sto sito, par ciacoéare, lezére, smiciare, scrivare, e…….. Fasì vojaltri che a cosa bona ze el passa paroéa o come se dize desso el passaemail. Ciao a tuti e a presto che so’ drio butar fora ‘na novità assoéuta. Ciao

Strasse, ossi e feri veci

Quanto beo jera ‘na volta quando te sentivi a veciota che tirando el caretin, longo el cavin, sigava “Saldame siore, ze quà a saldamara, saldame fiòe, vegnè a comprar”; o quando da lontan te sentivi i socui del cavaéo che tirava el careto e la vosse del ‘so paron cantare “Son quà rivà par vojaltre femane, tirè fora le strasse, slarghè i ossi, che al fero vecio ghe pensì mi”. Tutti i boce e le femane de ogni età in serca de qua e anca de la: la pée del cunicio, i pei del mascio messi via con tanta cura, tece sbusae che no’ se podea pì portarle dal stagnin, i feri cavai ai cavai tuti consumai, e tante altre monade che se podea recuperar torno a casa. Se ciapava ‘na miseria ma sembrava che el te desse massa par chea roba che’l se ghe dava, mia mona sembrava che sofrisse a fame ma soto soto el jera un sioreto, furbo come ‘na striga de comercio ghi’n capiva pì de tanti sapientoni, scheo dopo scheo risparmià a fortuna pian pian a ze rivà. Desso semo ciapai che dovarissimo andare ancora a catar “strasse, ossi e fero vecio” par poder sbarcare el lunario. Cossa ghi’n disio vojaltri. Ciao tosi e tosate.