Importante

E’ interessante, meraviglioso, una cosa mai vista, ma che si potrà vedere con i propri occhi e sentire con le proprie orecchie e si potrà toccare con le proprie mani dopodichè la persona interessata saprà tutta la novità. Mio nonno mi diceva “Mejo vedare, sentir e tocar co’ man par essare sicuri, che essare sapientoni e ciaparlo in c….”, non sbagliava anzi penso sia tornato di moda e alla grande. A chi potrebbe interessare, non è dato da indovinare ma da saper aspettare che la prossima volta (sabato ci vado pure io) ve lo posso spiegare. Ciao

A no’ gò mia càpio

Gnanca me rendo conto, tuto cambia in t’un sciantizo.
Un’cò te vardi a manca e te gavaressi dovuo vardar a sanca.
I te’o dise par téevision, ABI; te ghe da capir rovesso, IBA.
I sgnàgnarei, i ze quei che ancora desso i ghe casca i candeoti dal nas, e i voria insegnarte darte informassion, savere ‘na pagina pì del libro, essar Mastro …
Tuto se ga roversà, anca so’a moda, i tosi i ghe mete e cotoe e ale tose e braghe.
Anca i sateiti ‘na volta i se mandava su e la i restava desso i me casca dosso.
‘na volta se impienava el leamaro, par spanderlo sui prai o vangà nell’orto par far vegner su verdure bone e coltivae al naturae, desso con tuta a roba chimica che se ghe da ae vache …..
‘na volta se riciclava tuto, parchè non ghe jera mia tanta roba da dover butare, desso …..
‘na volta se gaveva tanta voja de ridare e divertirse, desso se se diverte sensa ridare.

A Vioéa

Ieri go visto a prima vioéa in fior, ze proprio vero el deto “A S. Bassian coa vioéa in man” me sembrava difissie vederle al 26 de Genaro. Ghe jera anca e primue, i bucaneve e l’elleboro za vegnui fora a far vedare che ze tempo caldo, sembraria primavera.

Cavalieri di San Bovo

Un’cò son ‘ndato, par a prima volta, al’ Eremo de San Bovo in locaità Privà de Valroina frassion de Bassan del Grapa. Ze stata ‘na cosa superba, ghe jera Eusebio Vivian che fazeva da cicerone spiegando man man, che se caminava, cose de vissuo lontan nei ani. No savevo gnanca che a ceseta ze sorta soa base de zona sacra dei popoi Celtici e che no lontan venti metri ghe jera ‘na toreta de avvistamento par e trupe de l’epoca degli Eccelino, tute notissie che no’ saria mai vegnuo a savere. L’eremo jera abità da un “romita” nel 1300 e non tanto tempo fa jera sta la anca un che dopo ga ciapà i voti da “gesuita”, el posto ze fora dal mondo anca se te ghe tuta a beéssa, a colpo de ocio, del pian. Longo el sentiero ghe ze dei maronari veci de tresento ani grandi che tre persone a man ciapae riesse a maéapena a imbrassarli. L’Eremo ze el posto de raduno de tuti i “Cavalieri de San Bovo” zente che ghe ze sta conferio ‘sta onoreficensa par meriti suai nel laoro dea tera, e par a passion che i ghe mete. Ghe jera zente da Mantoa e da Verona e da qua tacà tuti col tabaro e a sciarpa arancion col stema dei Cavalieri, ‘na bea procession, dopo semo ‘ndai a magnare i piati de ‘na volta.

Il sogno

Questo è il titolo del concorso poesia che ha come tema centrale “IL SOGNO: tra realtà e immaginazione”. Il tema delle poesie da inviare dovrà essere quindi IL SOGNO, inteso nelle sue forme più varie e diverse: desideri, passioni, mondi immaginari, premonizioni, speranze, colori, paure e tutte le sfumature e declinazioni ad esso associabili…
Il concorso è aperto a chiunque voglia partecipare con la sua poesia.
L’iscrizione è totalmente gratuita: basta inviare una o più poesie (massimo 3 componimenti) all’indirizzo mail: concorsopoesia@romanoonline.it
oppure per posta ordinaria a: Concorso di Poesia “Giuseppe Longhi” Ufficio Postale di Romano di Lombardia – 24058 Romano di Lombardia (BG).
Il termine per l’invio delle opere è il 25 aprile 2008.
Il bando del concorso è visionabile al seguente indirizzo web: www.concorsopoesialonghi.it

Mi fa piacere riportare quanto inviatomi, l’anno scorso ho partecipato e sono stato menzionato e la mia poesia scritta nel loro libretto. I miei tre componimenti li ho spediti dieci minuti or sono, ora a voi.

SI CAMBIA – Cambionée

Se spera in mejo. Brillante idea nata in quatro e quatroto, siccome che ghe ze tanta zente che scrive poesie, racconti, canson, …. e zente (un fià strambota, come mi) che dipinge o leze tanto o ….. Artisti de ogni dove e de queo che ve piase de pì, verzo a me tratoria par vojaltri un o do dì par mese o setimana (come ve fa pì comodo) par ritrovarse a parlare o discutere dee robe nostre. Mi a go za scominsià a far circoéo ma pì zente che vien e p’ mejo stemo tuti, parchè ze coe idee de tanti che se va vanti, anca ‘na casa con un maton resta ferma, incioà, ma con domie matoni a se mete al querto. Serti Cenacoi i ze sorti proprio nee betoée o osterie, par queo che voria darghe un toco diverso, e par far incontrare zente che se veda che i ciacoe intorno aéa toéa magari con un bon goto de vin. Scominsiè a pensarghe e dopo deme e vostre opinion che de quei che se inscrive ze un paeto de bona partensa. Si accettano anche poeti di altri dialetti o in lingua italiana, qua no se fa discriminassion a nessun.

Accademia “Aque Slosse” 2008

Con il patrocinio della Città di Bassano del Grappa l’Accademia organizza la XXXIIª edizione di ” Poesia e Satira in Vernacolo”, a tema libero, per le norme guardare www.aqueslosse.it (email: info AT aqueslosse.it). Organizziamo la XVII edizione per Giovani Poeti premio “Gino Pistorello” con poesie in dialetto e in lingua. I componimenti dovranno pervenire entro il 29 Febbraio 2008 e la premiazione avverrà il 1° Maggio presso le antiche fonti di San Giorgio a Bassano del Grappa. Auguri di buoni componimenti a tutti dal vicepresidente.

Energie rinnovabili

Se la cosa è interessante per il riscaldamento: caldaie con produzione d’acqua calda o generatori d’aria con risparmi del 40/60 % che funzionano con pellet, gusci di noci, mandorle, pistacchi, nocciole, mais, segatura, cippato, trucioli, biodisel,…. Serve per il settore: industriale, civile e agricolo. Mandatemi un’email per avere maggiori informazioni – brigante@elbrigante.it