Buon 2008

Vanti miei prodi, n’altro ano rìva, poca zente ciacola, pochi va vanti. Stasera fasso festa anca mi con me mojere, a prima volta dopo oto ani che semo qua, Tratoria Pragoin, e non me despiaze par gnente. Son contento come un stantufo, che sbufo, che sbufo, che sbufo,……….. dopo un toco me fermo. Pensare e capire son do robe che bisogna savere par capire. Bon domiaoto a tuti chi che me lese. Valerio.

Me son incassà

A vedare chi che me dise che tuto va ben, il che no’ ze vero, jori i ze soa neve a sbaterse i c….. e niatri semo qua a romperse i c….. Pensavo che Campo Longo fusse stato vissin Bassan, invesse non avendo studià, mia massa, i me dize che lè nel Belumat, o go savuo dato che i giornai e quei dea Raitibù i parla in ‘sti giorni par via che ghe ze un che da Roma ze capità qua. Qua se capisse che dopo pagare queo che se deve pagare, ghemo anca da regaéare el magnare a quei che me ciuccia el sangue. No’ serve andare in Transilvania o in qualche Ospedae locae el sangue se no’ ze giassà el vien ciuccià senza gnanca che te sia girà.

Magnare

In ‘sti dì qua se pensa soéo a bevare, magnare, divertirse, dormire e sc….., senza tanto pensare a tutti i problemi che ghemo, tanto quei no’ i ti i cava nessun. No’ pensar che rive un gnomo a portarte un caliero pien de schei o che’l te diga dove el ze soterà, ze tute fantasie, pensa soéo che a saéute no’ te manche parchè dopodiman te toca andar a lavorar par continuar a magnar. Fusse tuto oro queo che slusega o che vien fora daéa boca dei nostri paroni, saressimi tuti sora un cavaéo bianco con un paco de schei soto el materasso (par farlo pì morbio el stramasso), invesse i dise ‘na roba parchè drio el cueo i me roba pì che i pòe. El can bastonà ‘na volta capisse, ma diese volte te salta dosso a sbranarte. Chi vol capir capissa, chi no’ vol capir fassa pur da manco che semo za tanti de stuffi.

Neutro – Senza titolo

“Un uomo solo che si arrangiava”
Così Fusaro è finito in manette.
Un falegname di Bassano del Grappa.

Così titola un giornale, ora io ho saputo questa triste verità, straziante per la famiglia ma triste anche per noi persone semplici. Chi “di dovere”, ci dovrebbero fare un regalo, donarceLo (al popolo). Non ho nessun altro commento. Sono triste e affranto, Valerio A. Baron.

Auguri per le feste

In occasione delle Feste ho inviato molte email di augurio ad amici, conoscenti e parenti e ho potuto sentire, via telefono, vari cugini sparsi nel mondo. Sono rimasto molto contento per quelle persone che si sentono vicine ai loro congiunti e felici, nel mentre ho avuto una stretta al cuore nel sentire che a qualcuno la salute non va come dovrebbe andare. Auguro, di tutto cuore, al parentado, amici, conoscenti, lettori del blog, lettori del sito (www.miepoesie.it), e a quelle persone che passano anche nella mia Trattoria – Grapperia, di trascorrere con i propri cari un felice Natale e un piacevole Fine Anno. Sia per tutti un 2008 più felice, spensierato, in salute e che porti tanti bei soldoni in tasca a tutti. TANTI AUGURI da Valerio e famiglia.

“Aque Slosse” Accademia 12/2007

Questa sera nella riunione con gli amici in occasione degli auguri di Buone Feste per l’anno 2007 è stata inserita anche la divisione dei ruoli nell’Accademia “Aque Slosse” e personalmente mi è stata notificata la decisione di nominarmi Vice Presidente, Nicola Parolin Presidente, Eusebio Vivian “Berna” Presidente onorario, ecc…. Sono rimasto perplesso e piacevolmente sorpreso e onorato dell’incarico ricevuto e cercherò di esserne all’altezza. Colgo l’occasione per tutti gli amici porgere i miei migliori auguri di Buon Natale e felici Feste.

Eurostar

Che beo ciapare l’oseo,
a go sbaglià voevo dire el treno,
l’Eurostar voéa,
serte volte mejo ‘ndare a pie,
te rivi prima.
Trenitalia spara cassae
rimborso del viajo,
ma el fredo, incassamento,
senza magnare, e…….,
saria pì mejo ‘ndare a “Canossa”
e meter su rotaja calcossa de bon
e de pì mejo che carossoni vaganti
o a volte carri funerari.
Vardemose rento ze sempre
par colpa dei schei,
ze sempre quei,
toca sempre e nostre scarsée.

La veciota

Dove lavorava me mojere, prima de scominsiare a lavorar qua con mi, nea botega de casoin, ogni matina rivava ‘na veciotea simpatica e gentie a far spesa a tirava de chei cani, rasie, paroéasse, porchi, ladri,…. quando a doveva pagare, ma da giullare che a jera a diseva: “Ma si andè tuti in mona, che fra sento ani tute face nove”. Ricordarsea ze dovuo.