voria, ma forse ze mejo che ghe pensa

Voria che tuto el mondo se voesse ben e che i gavesse tanti schei cossì i vien anca qua a portarmene a sportae. Ze ora che capimo che ze anca st’ano rivà a bubbana (‘està porta tuto: schei, cotoe corte, majete che se vede rento “Mappamaondi tondi”, voja de essare libari come i osei, el soe dona tuto (nialtri cossa donemo?)). Ciao tosi e bee tose, vardè che ‘està dura poco, forsa dai movive un pochetin de pì. Vaerio

so’ come ‘na moéa

I me ga mandà n’email disendome che fra poco ghe insegnaremo a quei pì studiai, parchè a nostra region ga votà SI aéa proposta fata da Etore par insegnar a nostra engua: Magari me passasse pa e me man el me profesor d’italian che gavevo ae medie Vitorei de Bassan. Ciao tosi me sento come caricà ‘na moéa o come un baratoéo de Coca sbatuo (verzeo se te ghe corajo.