Manca tre dì

Ghe semo, semo drio rivar al domiasinque, ghemo ‘na festa grossa par l’ultimo de ano. Da qua se vedarà centomie luci e più, anca de foghi, che beo sarà. Penso ai centomie che no ghe ze pì, tante, massa stee stuae. Par mezo so feisse, l’altro mezo faria pugni. Note tosi e tosate.

El dì prima dea tempesta

Sito mai capità dove cajea zo tochi de giasso??? Se sì batti un colpo (te vien premià). Se no bati do colpi (te sarè ripremià). Un nea sò vita vede tuto e se nol vede gnente vol dire (poareto ju). A so drio sbatere le ae parchè me gaveva ciamà ‘na radio qua locae, e dopo me ga dito che podarò andar fra do mesi. Ve speto in tanti anca nee feste de Nadae cossì se fasemo i auguri. Ciao

Neve

Semo contenti come moe. Tuti i ze qua che no i sta pì soa pee, i voe ‘n dare a sciare aéa magnera nova (snobordar). Ze beissimo ansi un mucio pì beo. ‘na volta i diseva “soto a neve Pan, sora a neve Fam”. A ghemo za fato un mucio de tesere par tuta a stajon Domiaquatro/Domiasinque, speremo che ghin sia ancora de pì. Tanti saéudi da Vaerio (el Brigante).

Riva a banda

Chi sa chi a sona, mi digo che a ze quea de a me tosa, quante bande ghe ze in giro, o te mena … in giro. Ze un beo diemma, se te o capissi, voe dir che te ragiona. Se no te ragionassi, saria ‘n altro diemma. Chi che voe cimentarse so sto diemma, nato desso, se fassa vanti che go tanto o poco tempo. Ciao a dopo.