El late dea vita

A ghe ze ‘na pubblicità che me vien su …. anca el fumòro, la ze quea dea vaca che i ghe mena a coa e la fa late dae tete, e tanta anca. Sembra squasi come ‘na vecia pompa (de queé che se tirava su l’aqua) pì te pompavi e pì vegnea fora, te fermavi e se fermava, te ripompavi e rivegneva fora cossì pa quanto che te gavei voja, da pompare. Ohi cossa ze che te disi, varda che mi son drio parlare dea pubblicità. Vardando ae nostre origini (cio da quando ga scominsià a vita) el late ze stà un alimento princiae.
‘na vita data al late – el late par la vita.

Giosse nostrane

Essare disponibie no’ voe dir de ciaparlo in cueo.

A volte essar orbo, poe essar beo, parchè te poi andar a palpo.

A roba pì bea ze quea che ze tacà.

Vardar lontan no’ voe dir de essar orbo par no’ vedare queo che capita torno a ti.

Pensar de saver tuto, ze saver da spussa.

Quando un monta in scagno o el fa spussa o danno.

Magna quel che te ghe e tasi quel che te se.

L’abbondansa no ga mai fato carestia.

In tempo de guera ghe ze pì busie che tera.

Soéo tosati:
Chi se veste in bianco ga schei in scarsea.
Chi se veste in rosa ga serte tendense.
Chi se veste in daéo ciama – cip cip – canarini.
Chi se veste in verde spera sempre.
Chi se veste in nero – oibò salvate!
Chi se veste de rosso ze par farse vedar.

Momenti

Nel giro di attimi, succedono cose impensabili, la luce attraversa una tendina e gioca con i merletti, sono attimi che cambiano in continuazione. Noi nella vita siamo così, cambiamo il corso della nostra esistenza attimo dopo attimo. Non si riesce a fissare l’attimo migliore e inchiodarlo ad una parete perchè resti sempre così intatto e più a lungo possibile. Racconto quanto accaduto l’altro ieri nella Scuola Media di S.Giacomo di Romano d’Ezzelino, siamo andati in diversi poeti del Gruppo “Aque Slosse” di Bassano del Grappa a trovare gli studenti e a intrattenerci nelle aule a parlare di poesia, colori, musica, ed altro….. quando sono uscito avevo una carica in più – indescrivibile cosa possa dare il stare insieme a dei ragazzini (terza Media). Grazie

Far festa

“Andar a far festa sensa schei – ze come andar a carità in un paese sensa porte “(no’ ghe ze case – no’ ghe ze zente). Penso che posso ben citarne un’altra: “Vien fato Carnevae co-i scuriandui, finìi i scuriandui finisse Carnevae” (se fa festa se ghe ze schei, se no ghinè a festa no’ se fa).

Buon 2006

Me ciapo in anticipo, prima che me ciape indrio con i saéudi. Soto e Feste cossì grande a go da sgobare come un musso, parqueo che avendo del tempo fasso desso queo che dovaria fare fra dodeze dì. El me mejo augurio par tutta a zente ze: no schei, no lusso, no vacanse, ma soéo saéute – saéute e ancora tanta saéute, quando a manca te capissi cossa che te manca, no ghe ze schei che paga a saéute. A go sentia stamatina dai amissi “Bronse Querte”- “A saéute e el cul che caga, no’ ghe ze oro che li paga”. Ciao da Vaerio